Un termoscanner per gli accessi a scuola

/AAES/PRODUCTS_3.1/PRODUCT-IMAGES/IT/Termoscanner_scuola.jpg

L'Istituto Comprensivo Thouar Gonzaga si Milano si è dotato di un termoscanner ASSA ABLOY per l'accesso in sicurezza degli studenti a scuola

Come sappiamo quello della sicurezza nelle scuole è uno dei temi più dibattuti dell'ultimo anno, da quando il Covid-19 ha iniziato a circolare anche in Italia. Dopo un primo periodo di didattica a distanza il Ministero della Salute ha diramato una serie di normative da seguire per prevenire la diffusione del virus tra gli alunni. 

Uno dei primi istituti sul territorio a dotarsi di strumenti per agevolare l'ingresso degli studenti in aula è stato l'Istituto Comprensivo Thouar Gonzaga si Milano.

Noi abbiamo intervistato la Dott.ssa Adriana Colloca, dirigente scolastica dell'istituto che ha installato un termoscanner ASSA ABLOY per la sicurezza degli alunni che ogni giorno entrano a scuola. 

Quali sono le indicazioni da seguire, che permettono l'accesso in sicurezza degli studenti a scuola in questo momento? 

Il Ministero della Salute ha previsto una serie di normative per rendere più sicuro l'accesso a scuola e una di queste è seguire il percorso per la misurazione della febbre e la disinfezione delle mani prima dell'ingresso.

Crede che il termoscanner posizionato all'ingresso possa essere un valore aggiunto per prevenire il contagio da Covid-19?

Certamente, sì. Come istituto scolastico dobbiamo fare del nostro meglio per aiutare i nostri alunni a prevenire il contagio da Covid-19, e avere uno strumento che accerti che tutti gli studenti che accedono a scuola non abbiano una temperatura corporea sopra i 37.5°è sicuramente un valore aggiunto.   

Prima di avere a disposizione il termoscanner ASSA ABLOY come vi comportavate?

Prima di installare il termoscanner avevamo una persona dedicata che misurava la temperatura alunno per alunno con un termometro digitale. 

Gli studenti hanno avuto difficoltà a capire il funzionamento del termoscanner?

No è molto semplice ed intuitivo. Basta mettersi a circa un metro di distanza e guardare lo schermo. Il termoscanner inquadra la faccia, verifica la presenza della mascherina e in pochi secondi permette o nega l'accesso in aula in base alla temperatura. Poi insieme al prodotto ci è stato fornito un roll-up con le indicazioni da seguire.. diciamo che non ci si può sbagliare.

E’ uno strumento di prevenzione che consiglierebbe anche ad altre scuole?

Sì assolutamente. Il momento è difficile e come dicevo in precedenza, anche la dirigenza deve fare del suo meglio per garantire agli alunni di vivere la scuola nel modo più sicuro e spensierato possibile. I ragazzi hanno bisogno della scuola e noi abbiamo bisogno che i ragazzi siano formati nel miglior modo possibile affinché possano costruire un futuro sempre migliore per loro e per noi.