ASSA ABLOY incontra Beppe Signori

/global/scaled/1280x557x0x120x1000x435/AAES-PRODUCTS_3.1-PRODUCT-IMAGES-IT-Beppe_Signori_e_PizzAut.jpg

L'incontro col campione si è tenuto a Theatro Italia

Lo scorso 26 luglio si è tenuta una riunione generale di ASSA ABLOY Entrance Systems Italy, un evento organizzato per commentare i risultati e lanciare la nuova strategia di sviluppo dei prossimi 5 anni.

Ma come spesso affermiamo, “la Cultura batte sempre la Strategia” e durante la serata abbiamo voluto ribadire l’importanza di alcuni valori: la Resilienza (termine molto in voga), la Responsabilità (che fa coppia con l’Autonomia) e lo Spirito di Squadra, il tutto “condito” da Umiltà e Coraggio.

Molto più delle parole, sono spesso gli esempi dei campioni che sanno ispirarci e motivarci a spostare in avanti i nostri limiti e migliorare le nostre performance. Lo sport è una metafora capace di trasportarci al cuore dell’esistenza e per questo abbiamo deciso di invitare un grande campione del calcio, uno dei bomber italiani più amati degli ultimi anni: Beppe Signori.

Beppe ci ha colpito per la sua umanità e ci ha fatto comprendere che prima ancora delle doti fisiche quello che conta è la passione, la voglia di non mollare mai, l’autostima, la capacità di sapersi porre degli obiettivi sfidanti: “alla base di tutto, per ottenere dei risultati ci sono fatica e sacrificio, il lavoro, l’impegno. La differenza tra un giocatore di serie C e di serie A è che quello di serie A ha sempre voglia di migliorarsi, quello di serie C si accontenta, a livello mentale. E magari, tecnicamente quello di serie C è più forte di quello di serie A” ha affermato il bomber. “A 15 anni fui scartato dall’Inter e questo mi ha dato la forza di ottenere i traguardi che ho poi raggiunto. Saper trasformare gli ostacoli in opportunità, credo sia questo il segreto per diventare campioni” un altro suo passaggio.

Ho avuto tanti allenatori ma un solo maestro, Zeman, quello che mi ha fatto fare il salto di qualità”. Avere dunque un bravo manager che ci sappia guidare, che veda in noi qualità che non pensavamo di avere ma anche l’umiltà di aver fiducia in chi ha più esperienza di noi; un altro concetto sviluppato insieme a Beppe.

Guarda l’intervista integrale con Beppe Signori.