Premio Dedalo Minosse

/global/scaled/680x296x0x112x680x295/AAES-PRODUCTS_2.1-PRODUCT-IMAGES-IT-Dedalo_Minosse.jpg

Il Premio promuove la qualità dell'architettura, analizzando e ponendo l'accento sul processo progettuale e costruttivo e sulle figure che determinano il successo dell'opera: l'architetto e il committente, con al loro fianco gli esecutori e i decisori.

Un cliente illuminato, consapevole del valore dell’architettura, può dare un’impronta decisiva al percorso e alla carriera di un progettista. Il premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza ce lo ricorda dal 1997, anno della sua fondazione.

Il 30 ottobre Theatro ha ospitato una selezione dei premiati dell’ultima edizione: Marco Ghilotti di Marco Ghilotti Architetto, Gerd Bergmeister dello studio Bergmeiserwolf, Piero Zucchi di GEZA Gri e Zucchi Architettura, Sebastiano Amore di Amore Campione Architettura sono saliti sul palco a raccontare il progetto con cui il Dedalo Minosse li ha premiati insieme ai loro rispettivi committenti: il Comune di Morbegno, la famiglia Huber, l’azienda Pratic f.lli Orioli spa e Morena Rapicavoli. Quattro architetti provenienti da tutta Italia artefici di progetti molto differenti l’uno dall’altro uniti dalla qualità, dall’approccio umanistico, dall’attenzione al contesto, dall’uso calibrato della tecnologia e dei materiali. E da un rapporto speciale e privilegiato con clienti e fornitori capaci di sperimentare soluzioni nuove e intelligenti, scalabili dalla produzione artigianale al piano industriale rappresentato dalle aziende partner di Theatro.

Come ha ricordato Marcella Gabbiani, direttrice del Dedalo Minosse, per i premi si guarda alle storie che raccontano, storie fatte di passione, coraggio, responsabilità e amore per l’architettura.